30+ Cose da vedere e fare a Lombok

Tra le numerose isole dell’Indonesia, Lombok ha la caratteristica di essere facilmente raggiungibile da Bali, pur essendo meno turistica della sua vicina e più adatta a chi cerca una vacanza tranquilla a contatto con la natura.

Una volta arrivati, la scelta di cosa fare e vedere a Lombok è ampia. Grazie all’origine vulcanica dell’isola, il terreno è ricco di vegetazione e oltre alle spiagge bianchissime si trovano anfratti di rocce e sabbia dai colori cangianti (c’è persino una spiaggia di fine sabbia rosa).

Non mancano cale protette dove l’acqua è sempre calma e si può fare snorkeling, baie adatte al surf, fiumi e cascate.

La popolazione locale è amichevole, dedita perlopiù alla coltivazione.

Lombok cose da vedere

Ci sono molte cose da vedere e fare a Lombok e noi abbiamo preparato una lista delle più importanti.

Mount Rinjani

Il vulcano Rinjiani è il secondo più alto dell’Indonesia e una delle mete turistiche più popolari di Lombok.

La sua caldera, che negli anni si è trasformata in un lago azzurro con al centro un picco che è comparso durante le eruzioni degli anni ’90, è a circa 2000 metri d’altezza. Ci si arriva attraverso percorsi di trekking che si snodano nella giungla tra pascoli e risaie, e una volta in cima si gode di una delle viste più spettacolari dell’Indonesia.

Lì si può decidere di campeggiare per la notte, godendosi la pace assoluta e il cielo fittamente stellato.

Cascate di Sendang Gila

Sendang Gila è un parco naturale di Lombok, con ingresso a pagamento.

Il percorso attraversa zone di vegetazione diversa e prevede il superamento di alcuni guadi, per i quali conviene avere un paio di scarpe di ricambio, possibilmente leggere e impermeabili, come quelle che si usano per camminare sugli scogli. Lungo il tragitto si incontrano due cascate: nella prima, la più piccola, non è possibile immergersi, ma è bello sostare in contemplazione dell’ambiente fiabesco e solitario.

La seconda cascata è più alta e forma una grande piscina naturale. Qui ci si può tuffare e farsi immortalare in uno scenario che è talmente perfetto da essere spesso usato come location cinematografica.

Kondo island

A est di Lombok ci sono quattro piccole isole disabitate, chiamate rispettivamente Gili Bidara, Gili Kapaland, Gili Lampu e Gili Kondo.

Distano poco più di un chilometro dalla costa ed è possibile visitarle in giornata grazie ai passaggi offerti dai locali su piccole imbarcazioni. Kondo, circondata da sabbia bianca fine come borotalco e con la bassa vegetazione al centro, si percorre a piedi. Lì ci si può immaginare naufraghi sperduti tra palme e acque cristalline e si può passare la notte campeggiando con mezzi propri.

Proprio perché è un luogo come ne rimangono pochi e di una bellezza assoluta, è importante che chi la visita si comporti in modo consapevole per preservare il suo eco-sistema e l’anello di coralli che la protegge.

Gili air

Uno dei posti migliori dove fare immersioni subacquee in Indonesia è la piccola isola Gili Air, una delle tre che si trovano a poca distanza dalla costa ovest di Lombok.

L’isola è tranquilla e poco trafficata: si gira prevalentemente in bicicletta. Ideale per rilassarsi, offre meravigliosi tramonti, bungalow e ristorantini sulla spiaggia. Nelle acque trasparenti è facile osservare la barriera corallina popolata di pesci colorati, razze e tartarughe. Gli spostamenti tra la costa di Lombok e le altre isolette vicine, ciascuna con un’atmosfera diversa, sono facili.

Si può scegliere tra una visita in giornata o un soggiorno più lungo, dedicato al relax.

Tetebatu Village

Nella zona interna di Lombok c’è un villaggio immerso in un verde fresco e lussureggiante, dove i ritmi sono ancora lenti e i turisti sporadici.

Qui è possibile entrare in contatto con la popolazione dei Sasak, che coltivano tabacco, caffè,frutta, spezie e riso. I prodotti, freschissimi, si acquistano dai locali a buon prezzo. La vista è meravigliosa, con la campagna suddivisa in piccole terrazze verdi e il profilo delle montagne e del vulcano Rinjiani sullo sfondo.

Non manca la possibilità di fare trekking e di visitare le cascate, assieme a quella di poter avvistare il macaco nero nella Monkey Forest, che si trova a circa quattro chilometri dal villaggio. Lo sport locale è il combattimento con le pertiche e, volendo, si può fare un’altra esperienza unica unendosi per qualche ora al lavoro di raccolta dei contadini.

Senggigi

Lombok è un’isola meno turisticamente organizzata di Bali, ma se si desidera trovare un posto che offra buoni resort e comodità ci si può dirigere a Senggigi e alle sue famose spiagge.

Ogni insenatura è diversa e il colore della sabbia varia dal quasi nero al bianco accecante. L’acqua in molti punti è bassa e si possono fare immersioni o affittare una canoa, mentre alcune zone più esposte sono adatte al surf.

Facile da raggiungere, con negozi di souvenir e numerose proposte per visitare le aree circostanti, Sengiggi è una meta popolare, ma conserva ancora un’atmosfera intima e rilassante, da vero paradiso tropicale.

Snorkeling alle Gili Meno

Gili Meno è un rinomato paradiso subacqueo dell’Indonesia, con una popolazione di sole 500 persone residenti.

Qui lo snorkeling si trasforma in un’esperienza speciale grazie all’artista Jason de Caires Taylor, che ha dato vita a un complesso statuario sottomarino situato a circa due metri di profondità e che si raggiunge in barca o a nuoto. L’opera, intitolata Nest Statues, è composta da 48 statue di forma umana a grandezza naturale.

Disposte in cerchio, alcune di loro abbracciate, attendono pazientemente di essere ricoperte da spugne e coralli, per contribuire alla conservazione e alla riproduzione della barriera corallina. Arte e natura si incontrano in uno scenario impressionante, che fa percepire intensamente la circolarità della vita e l’importanza della conservazione ambientale.

Lago Segara Anak

È un lago vulcanico formatosi nella caldera del Monte Rinjani a oltre 2.000 metri sul livello del mare e si estende su un’area di 11 chilometri quadrati, raggiungendo profondità fino a 230 metri. Il misterioso colore blu del lago fa sì che sia anche chiamato Small Ocean. Si raggiunge con un trekking che prosegue verso la montagna e che prevede una notte di campeggio, con lo scorgere dell’alba.

Una parte di Segara Anak scorre lungo un ripido burrone formando una grande cascata e altre più piccole.

Nel lago ci sono quattro sorgenti calde naturali. Come altri vulcani in tutto il mondo, Danau Segara Anak è sorto in modo improvviso ed è ancora attivo, con un grande potenziale catastrofico.

Tiu Kelep Waterfall

Nascosti nel villaggio di Senaru, ci sono le due delle cascate più belle e famose di Lombok: Sendang Gile e Tiu Kelep. Secondo la popolazione locale, il nome Tiu Kelep è preso dalla lingua Sasak. “Tiu” significa piscina, e “Kelep” significa volare. Ci vogliono solo 15 minuti a piedi dall’ingresso del parco per vedere la meravigliosa cascata Sendang Gile, che è una continuazione della cascata Tiu Kelep. Il sentiero che porta alla cascata passa attraverso una rigogliosa foresta pluviale protetta, piena di imponenti alberi tropicali.

Una volta arrivati, puoi goderti la vista dell’acqua che si frantuma sulle rocce o nuotare nella pozza fresca che si forma alla fine della sua corsa.

Pink Beach

Le spiagge da sogno sull’isola indonesiana di Lombok sono famose, ma una di queste presenta un raro fenomeno naturale che devi vedere di persona.

La spiaggia di Tangsi, meglio conosciuta come Pink Beach, si trova nell’estrema costa sud-orientale dell’isola ed è una delle poche spiagge di sabbia rosa del mondo.

L’Indonesia ne vanta ben due (l’altra è sull’isola di Lombok, Flores) e il loro colore si deve alla quantità di piccoli pezzi di corallo rosso che il mare lascia sulla riva e che si mescolano con la sabbia bianca. È proibito portare via la sabbia, ma si può nuotare in piena libertà.

Gili Layar

Le isole “Gili” più famose sono tre, ma ce ne sono altre ancora tutte da scoprire. Gili Layar si trova appena a ovest di Gili Gede, più sviluppata turisticamente. L’attività preferita dei visitatori dell’isola è rilassarsi in un bungalow e fare snorkeling nella barriera corallina. A parte l’arrivo di turisti giornalieri, le spiagge sono semideserte per il resto del giorno. La barriera corallina si trova un po’ al largo e ha una corrente di media intensità che scorre a sinistra, il che significa che una volta che hai nuotato per la breve distanza verso di essa, non avrai bisogno di faticare per tornare a riva. Le tartarughe si possono avvistare al mattino e nel tardo pomeriggio.

Surf a Kuta Lombok

A differenza della spiaggia con lo stesso nome a Bali, Kuta Lombok è rilassata e poco affollata.
Anche qui ci sono surfisti, ma il clima è più eco-friendly: meno party, niente cannucce di plastica, che sono state sostituite con quelle di bambù. Affittando un motorino si può girare in tranquillità con panorami che cambiano ogni centinaio di metri. È anche il punto di partenza perfetto per molte di attività e per visitare altre belle spiagge a sud dell’isola. Kuta si affolla al tramonto, perché è rivolta verso la parte giusta. Nella misura in cui si è potuti stare tranquilli per la maggior parte della giornata, al tramonto si scambiano volentieri due chiacchiere seduti in riva al mare bevendo una birra.

Benang Kelambu Waterfall

La strada per raggiungere queste cascate è asfaltata e si arriva facilmente in motorino. Una volta entrati nel parco Benang Kalembuè, per raggiungerla occorre camminare un po’, ma è sicuramente la più magica. Il fiume è nascosto dalla vegetazione e sembra che l’acqua sgorghi direttamente dai cespugli, formando cascate digradanti in ben quattro punti diversi. Nella parte inferiore ci sono due pozze di medie dimensioni dove si può fare il bagno contemplando l’impenetrabile foresta circostante. È possibile, scalando un po’ di rocce, passare dietro la cascata dove c’è una grotta, e godersi lo spettacolo da lì.

Villaggio di Banyumulek

Il villaggio è situato a circa 14 chilometri a sud di Mataram, la capitale della Nusa Tenggara Occidentale. La prima cosa che salta all’occhio è la lunga fila di negozi d’arte che vendono vari prodotti artigianali in terracotta e ceramica. Oltre a manufatti per uso casalingo, come le pentole, ci sono opere artistiche, come vasi, lampade e quadri. La terracotta è ancora prodotta con metodi antichi, che prevedono di cuocerla in forni alimentati da legna e paglia. Questo rende i manufatti e la loro colorazione particolare, ma il metodo di cottura non industriale ne fa degli oggetti piuttosto fragili.

Centro islamico NTB

Il Centro islamico è un edificio imponente, ricco di particolari architettonici e dall’aspetto sontuoso e curato. Gli abitanti musulmani di Lombok infatti ne sono molto orgogliosi. Si può visitare in alcune sue parti: ha una biblioteca, una terrazza da cui si può vedere la città e una moschea in cui si può entrare solo se si è di fede musulmana. Di solito si è accolti gentilmente, a patto di essere vestiti in modo adeguato, e si possono chiedere insegnamenti e spiegazioni sulla religioni islamica a un insegnante. Le donne turiste non sono particolarmente bene accette a meno che non siano accompagnate, ed è opportuno che portino un velo sui capelli o quantomeno li tengano raccolti.

Tempio di Lingsar

Sull’isola di Lombok, una delle attrazioni turistiche più famose è il Tempio di Pura Lingsar. Situato all’estremità nord della spiaggia di Ampenan, Pura Lingsar è anche il sito religioso più importante di Lombok. Il tempio fu costruito nel 1714 dagli indù balinesi quando visitarono per la prima volta l’isola. Tuttavia, Pura Lingsar rappresenta una fusione della tradizione indù con Wektu Telu, una religione praticata dal popolo Sasak, i nativi di Lombok. Gli aderenti al Wektu Telu si considerano musulmani, ma non seguono molti dei comandamenti religiosi come fanno i musulmani più ortodossi. Hanno adottato altre credenze dall’induismo e dalle tradizioni animiste native. Questa duplice eredità rende Pura Lingsar un importante simbolo di unità tra le fedi delle isole.

Sembalun Village

La piana di Sembalun è divisa in sei villaggi e uno di loro, Sembalun Lawang, è diventato popolare in quanto punto di partenza per la salita al Monte Rinjani. Tutti i villaggi sono situati tra 800 e 1200 metri sul livello del mare, e sono circondati quasi interamente da una serie di colline. La temperatura è notevolmente inferiore rispetto ad altre parti di Lombok e questo rende l’escursione piacevole. Il suolo è ricco e fertile, dedicato alla coltivazione del riso, del peperoncino, di carote, cavoli e cipolle, assieme e diversi tipi di spezie. La vista sugli appezzamenti di diverso colore è incantevole.

Selong Hill

Il motivo per visitare Selong Hill è quello di scoprire quanto campi e risaie in questo paese possano creare paesaggi stupefacenti. Salendo la collina si passa attraverso una piccola foresta e infine si arriva in un punto dove si può campeggiare. Il trekking è di media difficoltà e richiede la giusta attrezzatura e un vestiario adatto. Per visitare la collina, che è un parco, occorre pagare un biglietto d’ingresso. Ci si può anche fermare, dopo l’escursione, al villaggio Belek dove abitanti amichevoli servono buoni piatti di cibo locale e forniscono alloggio.
Se sei un principiante del trekking, ti aspetta un piccolo corso introduttivo all’inizio, che ti spiegherà a cosa stare attento e come procedere faticando il meno possibile.

Sukarare Village

Sukarara è un grazioso paesino nel centro di Lombok. La maggior parte delle donne in questo villaggio lavorano come tessitrici. Per mantenere e preservare la cultura e la tessitura tradizionale, la conoscenza è tramandata di madre in figlia fin dalla tenera età. Troverai donne che tessono sulla veranda in quasi ogni casa del villaggio. I motivi usati per le decorazioni sono anch’essi fedeli alla tradizione e la qualità è straordinaria. Le materie prime sono filati di cotone, seta, seta dorata e fili di seta color argento. Per quanto riguarda le tinture si usano solo coloranti naturali come il marrone estratto da cortecce e semi, e il viola del vino del mangostano. Il prezzo del manufatto dipende dalla difficoltà del motivo e dal tempo della lavorazione.

Tete Batu

Questa piccola e città si trova a circa 2 km dal confine meridionale del Parco Nazionale del Monte Rinjani. È una zona rurale e pittoresca a situata a circa 700metri sul livello del mare e offre ai visitatori la possibilità di vivere la vera vita di un villaggio tradizionale. Le attività artigianali sono molte e in particolare si trovano oggetti in terracotta nera, cesti e lavorazioni del ferro. Qui si può assistere alla tradizionale lotta con i bastoni dei sasak e si può girare a bordo di tradizionali carretti trainati da cavalli.

Visitare una fabbrica di perle

Le fabbriche di perle di Lombok producono quelle che sono probabilmente alcune delle perle di maggiore qualità del mondo. Se hai mai desiderato possedere una perla, o sei solo curioso per quanto riguarda il modo in cui vengono coltivate, fai un tour che ti porterà a visitare uno di questi luoghi con l’opzione di acquistare qualcosa di veramente speciale. In ogni singola ostrica è inserito con attenzione un granello minuscolo, che essendo un corpo estraneo, sarà ricoperto di madreperla dal mollusco, nel tentativo di renderlo innocuo per il suo organismo. Questo accade anche in natura, ma spesso le perle naturali non risultano sferiche a causa della forma del corpuscolo. Le perle coltivate invece sono quasi sempre perfettamente sferiche.

Kondo Island

Gili Kondo è un’isola situata a est di Lombok e offre un’atmosfera simile a quella di un’isola privata.
Ci sono strutture di accoglienza, ma si può anche campeggiare gratuitamente in tenda a patto di mantenere pulita l’isola, questione considerata della massima importanza. C’è una bella spiaggia e acqua turchesi nelle quali nuotare, fare immersioni e snorkeling sulla barriera corallina ricca di pesci colorati, stelle marine blu e rosse e ricci di mare. Per il tramonto ci si dirige alla parte che sta a ovest e che guarda l’isola di Lombok e le sue colline.

Bukit Pergasingan

Bukit Pergasingan è una collina della zona di Sembalun, vicina ai punti di partenza per le escursioni sul monte Rinjani. Se non vuoi scalare il monte, puoi osservarlo proprio da Bukit Pergasingan, assieme al vasto panorama di risaie dai colori cangianti: gli appezzamenti quadrati di colore diverso formano una vasta scacchiera di sfumature che non si finisce mai di fotografare. Non pensare però che la visita alla collina sia una passeggiata quasi in piano: si tratta di un percorso di trekking di oltre due ore, attraversando zone di vegetazione fitta, pertanto vestiti adeguatamente e porta un repellente per gli insetti.

Selong Belanak Beach

La spiaggia di Selong Belanak sta diventando sempre più popolare tra i surfisti. Ha la caratteristica di essere in pendenza e di avere onde abbastanza alte tutto l’anno. Al momento però non ci sono servizi di affitto tavole da surf perciò occorre avere la propria. Kuta di Lombok, dove puoi trovare tavole e istruttori, è a circa 30 minuti. La spiaggia di Selong Belanak è molto pulita e silenziosa e ha una sabbia molto fine. Ci sono alcune bancarelle che offrono street food, in particolare il “Nasi Campur” e cocchi freschi. I pescatori grigliano il pesce appena pescato, accompagnato da sambal piccante.

Sekotong Islands

Quasi tutti conoscono le famose 3 isole Gili, ma davanti alla penisola occidentale di Lombok ci sono altri isole, grandi e piccole, ancora da scoprire. Gili Rengit (Gili Ringgit) e Gili Layar sono popolari per lo snorkeling e le immersioni.
Gili Genting ha una forma che può assomigliare a una trataruga e una piccola spiaggia. A pochi metri di distanza c’è già la terraferma con la spiaggia Elak Elak, che ha un’incredibile acqua turchese. Gili Gede è grande e abitata. Una delle poche isole Gili dove ci sono anche i motorini. Girando per queste isole si trovano decine di spiagge solitarie e ci si sente un po’ esploratori. Forse non tutte hanno spiagge di bellezza eccezionale, ma ciascuna ha una sua personalità e qualche segreto da rivelare.

Semeti Beach

Semeti Beach è a circa 45 minuti da Kuta e a 10 minuti da Mawi beach, un altro ottimo posto dove fare surf. Semeti è solitaria, chiusa scogliere ai lati. L’acqua chiara che si ritira con la bassa marea permette di vedere il fondale come se fosse coperto da una lastra di vetro trasparente. In questo scenario tranquillo i tramonti si presentano spettacolarmente, con cieli e nuvole che si tingono di colori incredibili mano a mano che il sole scende all’orizzonte. Scegli un punto d’osservazione e goditi l’atmosfera, meglio se in romantica compagnia.

Tanjung Ringgit

Tanjung Ringgit è la penisola che sporge dall’angolo sud-est di Lombok, e affaccia sull’Isola Sumbawa attraverso lo Stretto di Alas. Ha una costa piuttosto frastagliata di alte falesie calcaree e spiagge sabbiose con acqua chiara e calda, paesaggi mozzafiato, tranquilli villaggi rurali e un fascino sobrio. È un posto perfetto per curiosare girando a piedi o in scooter. Le scogliere calcaree sono punteggiate da piccole grotte e rendono interessante l’esplorazione. Durante la seconda guerra mondiale, i soldati giapponesi hanno installato un avamposto difensivo hanno costruito un bunker nelle caverne. Il cannone che hanno lasciato si trova sul promontorio di Teluk Bay. Sullo stesso lato del promontorio è stato costruito anche un pozzo artificiale.

Mangku Sakti Waterfall

A parte per il trekking, ci sono altri motivi per visitare il Monte Rinjani di Lombok . Uno di questi è rilassarsi in un luogo tranquillo e naturale come la cascata Mangku Sakti, che si trova nel villaggio di Sajang e sta diventanto sempre più famosa. Questo ha fatto sì che i locali abbiano deciso di prendersi cura del sito e gestirlo bene stabilendo anche un biglietto d’ingresso per la visita.
La cascata precipita per 20 metri da una scogliera rocciosa ed è circondata da una foresta lussureggiante. Ci si può immergere nella pozza sottostante. Ricorda di portare dei vestiti di ricambio.

Tanjung Poki

Se vuoi vedere onde alte e veloci infrangersi con forza contro le rocce sei arrivato nel posto giusto. Qui un’onda alta 10 metri è nella norma. Lo scontro di acqua e rocce scavate nel tempo e piene di buchi e cunicoli crea spesso l’effetto sfiatatoio, con grandi spruzzi che si sollevano in alto improvvisamente. Ovviamente qui nuotare è pericoloso, ma a parte la possibilità di scattare fotografie speciali, c’è un contesto particolarmente adatto a certi tipi di pesca: qui infatti si ritrovano appassionati di questo sport, che arrivano da un po’ tutto il mondo e annualmente si organizzano delle competizioni.

Gili Trawangan

La più grande delle tre isole Gili, Trawangan, attira la maggior parte dei visitatori, ed è a circa trenta minuti di barca da Lombok. Ci sono anche barche che portano qui direttamente dall’isola di Bali e fanno una fermata intermedia a Lombok.
Gili Trawangan ora è molto ben attrezzata per il turismo, anche di famiglie. Vari nuovi hotel, ville di lusso e bungalow boutique ora si rivolgono anche ai bambini e offrono un buon rapporto qualità-prezzo. Non è permesso viaggiare su mezzi a motore nell’isola, ma si possono affittare delle biciclette. Ci sono belle spiagge e ottimi punti dove fare snorkeling e immersioni. Di qui inoltre si possono raggiungere in barca altre isole, alcune delle quali deserte.

Leave a Reply